Ultimo video

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Pollino - Monte Alpi Coitus Interruptus visualizza

Sirino - Via del Canalone,A ciascuno il suo,I tre dello Scazzariddo
visualizza

Pollino - Dolcedorme Cresta Tommaselli
visualizza

Pollino - Monte Alpi Hansel&Gretel
visualizza



CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

domenica 15 marzo 2009

Il Dolcedorme,la grande montagna calabrese

Video tratto dall'ultima ascensione sul tetto del Parco del Pollino,la Serra Dolcedorme dal versante Sud,lungo la Cresta del Campanaro il 1° Marzo 2009

lunedì 2 marzo 2009

Una via verso il cielo


Questa l’entusiasmante ascensione realizzata da me e da altri tre impavidi che non si tirano indietro quando si tratta di affrontare prove durissime:Roby ,Salvatore e Franco.Teatro di battaglia la vetta di Serra Dolcedorme, questa volta dal versante sud, tormentato,aspro,dirupato.Un susseguirsi di crestoni festonati di pini loricati,canaloni ripidissimi e pericolosi,guglie e pinnacoli di roccia impressionanti. La via:Cresta del Campanaro,da 800 m. a 2267 m.,ossia 1467 m. di dislivello da colmare distribuiti in tre trance:da Cozzo Palumbo risalendo dolcemente la misteriosa Valle Cupa fino al Colle Campanaro;l’impettata tremenda della Cresta del Campanaro,tra roccioni da aggirare accuratamente e pini loricati dalle forme più svariate,infine l’aerea e panoramica Cresta Est che porta in direttissima alla vetta in un ambiente decisamente invernale,alpestre.



Sei ore e trenta di dura salita da togliere le forze proprio quando sei lì,ad un passo dalla cima,costretto ad avanzare affannosamente con passo cadenzato e misurato lungo spettacolari cornici di ghiaccio e il vento gelido che ti sferza il viso arrossato dal freddo e dal sole.

Tutt’intorno ti accompagna il silenzio e lo sguardo imperturbabile di strane creature dalle forme bizzarre ricoperte di ghiaccio,antichi guerrieri dall’aspetto spettrale nell’eterna lotta contro il freddo,le bufere e il vento.Stanno immobili,si stagliano nel blu cobalto del cielo,muti testimoni del tempo e immersi nel profondo del loro silenzio.E noi, non possiamo che sentirci alieni nella sfera divina di questi luoghi ultraterreni.Emozioni fatte di luce per noi,piccoli umani che abbiamo osato percorrere una via verso il cielo…