Ultimo video

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Pollino - Via Serra Pollinello visualizza

Pollino - La via dei lupi var. B
visualizza

Pollino - Monte Alpi Surprise
visualizza

Pollino - Monte Alpi Coitus Interruptus
visualizza


CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

mercoledì 20 gennaio 2010

Con il cuore e con lo spirito






Raggiunto “Campo Base” ci attende l’enorme tronco secco riverso in terra. Sono trascorse 4 ore da quando abbiamo lasciato il fuoristrada a Valle Piana (900 m.)e siamo notevolmente stanchi e provati. La via è stata resa proibitiva dalle abbondanti nevicate dei giorni precedenti,30,40 centimetri di neve farinosa e ogni passo una via crucis. Ingannati dalle basse temperature registrate nella notte abbiamo deciso ugualmente di muoverci sperando di trovare ghiaccio a sud. Abbiamo cavalcato lo spettacolare crestone dei loricati attraverso passaggi aerei e tecnici nel superare roccioni e labili creste innevate tra i pini neri prima e i pini loricati più in alto. La “Direttissima” al Dolcedorme è di per se una via estremamente dura che richiede impegno e forza di volontà non indifferenti per colmare i 1367 m. di dislivello ma non immaginavamo di dover strappare dal profondo del nostro animo tutto lo spirito e l’ardore necessario a vincere oggi questo avversario formidabile in condizioni estreme.

Proviamo a ripartire ma lo spessore di questa maledetta neve aumenta toccando i 50 centimetri,tanti da scoraggiare e sfiancare anche il più impavido e il più motivato a gettare il cuore oltre l’ostacolo. Ma il Dolcedorme si erge dinanzi a noi come una immensa scultura di cristallo e ci invita .Il suo richiamo è ipnotico come quello delle sirene di Ulisse e non sappiamo resistere. Pensiamo di raggiungere il canalone centrale dopo il lungo traverso nel bosco per ridiscendere. La rinuncia oggi sembra inevitabile. Troppi i 300 metri da colmare da lì in avanti per il ripidissimo canale con quella neve alta.



Il mio compagno raggiunge per primo il grande pino loricato che segna l’attacco al canalone e lancia un urlo che squarcia il silenzio e la pace di quel luogo magico,una perfetta fusione di rocce e ghiaccio con i grandi pini che adornano il paesaggio. E’ un grido di guerra,l’estrema volontà a proseguire,a dare tutto se stessi. Non può finire così,con la coda tra le gambe. Ho più volte ricordato durante la salita come in passato raramente sia stato costretto a rinunciare. Oggi invece è quasi una certezza.

Ma ecco realizzarsi un piccolo miracolo,nel canale la neve diventa più compatta dandoci la possibilità di salire più agevolmente e soffrire di meno. In alcuni tratti gradinando entrano solo le punte degli scarponi. E’ l’esiguo vantaggio che ci concede la montagna. Cerchiamo allora di giocarci questo importante jolly ma la “benzina” è finita;solo la forza di volontà e qualche zolletta di zucchero ci forniscono quel pò di carburante quanto basta per arrivare in vetta. Si!Proprio l’agognata vetta oggi quasi impossibile,invincibile.

Raggiunta la cresta dirò al mio compagno di fermarci ad una ventina di metri dall’omino di pietra che segna la cima,che per me è comunque fatta ,per non profanare quel fazzoletto di roccia che oggi doveva a tutti i costi restare inviolato.


5 commenti:

U Lupu ha detto...

Grande Peppe...è inutile hai sempre pronto uno splendido exploit!
Complimenti ancora e spero vivamente di fare il crestone anch'io...in questo pazzo inverno.

Viaggio nel Pollino ha detto...

il Pollino d'inverno è veramente fantastico: si percepisce dalla descrizione della tua avventura come la volontà di godere di questa immensa bellezza dia la forza di esplorarla anche in condizioni difficili.
complimenti.

Anonimo ha detto...

Ciao Master,
che spettacolo e che avventura!!!
Sempre meravigliosi i tuoi post e le tue foto!!! Devvero complimenti.
Stasera con il cai andro' a fare una notturna in val grande al chiaro di luna.
In quanto alla paura... un po' si, tutte le volte che decido di andare in montagna mi viene, anche perche' sento che la mia gamba non e' ancora forte (soprattutto nella discesa), ma e' piu' forte la voglia di andare, e allora vado e affronto i dubbi e le paure.
E' da novembre che vado tutte le domeniche.
ciao e alla prossima avventura.
pralina

Edva ha detto...

Quando meno me lo aspetto trovo le tue parole meravigliose...
e...mi sono commossa...
grazie... sei un tesoro.

E dimmi dimmi quando mi porti con te a godere di questi paesaggi incantati e puri come la neve?!?

:))

Un bacio grande

...Edva...**

indio ha detto...

Bellissimo percorso...con neve e ghiaccio davvero la montagna diventa sublime. Spero solo che al più presto riusciremo ad organizzare un'escursione assieme in questi posti che tu conosci così bene.Confesso comunque che sono quasi contento che, per me, il versante sud del dolcedorme sia ancora da scoprire....
Indio