Ultimo video

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Pollino - Piccole Dolomiti di Frascineto visualizza

Sila - Torrente Lepre
visualizza

Pollino - Gola del Barile (Raganello)
visualizza

Pollino - Monte La Caccia Direttissima
visualizza




CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

lunedì 2 marzo 2009

Una via verso il cielo


Questa l’entusiasmante ascensione realizzata da me e da altri tre impavidi che non si tirano indietro quando si tratta di affrontare prove durissime:Roby ,Salvatore e Franco.Teatro di battaglia la vetta di Serra Dolcedorme, questa volta dal versante sud, tormentato,aspro,dirupato.Un susseguirsi di crestoni festonati di pini loricati,canaloni ripidissimi e pericolosi,guglie e pinnacoli di roccia impressionanti. La via:Cresta del Campanaro,da 800 m. a 2267 m.,ossia 1467 m. di dislivello da colmare distribuiti in tre trance:da Cozzo Palumbo risalendo dolcemente la misteriosa Valle Cupa fino al Colle Campanaro;l’impettata tremenda della Cresta del Campanaro,tra roccioni da aggirare accuratamente e pini loricati dalle forme più svariate,infine l’aerea e panoramica Cresta Est che porta in direttissima alla vetta in un ambiente decisamente invernale,alpestre.



Sei ore e trenta di dura salita da togliere le forze proprio quando sei lì,ad un passo dalla cima,costretto ad avanzare affannosamente con passo cadenzato e misurato lungo spettacolari cornici di ghiaccio e il vento gelido che ti sferza il viso arrossato dal freddo e dal sole.

Tutt’intorno ti accompagna il silenzio e lo sguardo imperturbabile di strane creature dalle forme bizzarre ricoperte di ghiaccio,antichi guerrieri dall’aspetto spettrale nell’eterna lotta contro il freddo,le bufere e il vento.Stanno immobili,si stagliano nel blu cobalto del cielo,muti testimoni del tempo e immersi nel profondo del loro silenzio.E noi, non possiamo che sentirci alieni nella sfera divina di questi luoghi ultraterreni.Emozioni fatte di luce per noi,piccoli umani che abbiamo osato percorrere una via verso il cielo…










10 commenti:

Anonimo ha detto...

dove osano le aquile ... aggiungerei anche "come osano le aquile"

Accidenti che scarpinata, ottima preparazione per vette alpine.

Preparazione a parte, penso che ritrovarsi in vetta alla ricerca di se stessi sia un bel percorso.

Complimenti!

Saluti e abbracci affettuosi ... i tuoi post lasciano respirare un po' di vette anche a chi non osa così tanto.

Pino P.

NuwandaDeadPoet ha detto...

Bel testo e belle foto.
Posso dire io c'ero.
A presto Giu, per altri meravigliosi sentieri, con l'emozione e la GIOIA DI VIVERE DI SEMPRE.

U Lupu ha detto...

E beh....non per "tirarcela" troppo ma abbiamo fatto davvero nà bella cosa.
Alla prossima e speriamo ci sia anche quel tamarro di Max.
Ciao Pè

domriga ha detto...

Ciao Giù, grande come sempre. Comunque anche se ormai sono quasi papà un'uscita con grandi amici me la faccio con piacere (vi siete ormai dimenticati di me!!!!).
Un abbraccio e a presto

Edva ha detto...

"Una via verso il cielo"...
sai Master,non potevi trovare titolo migliore di questo, per descrivere in modo poetico questa escursione in luoghi d'incanto!!!

Le foto ben illustrano le emozioni che si provano nell'osservare alberi dalle forme strane,ed è quasi come disturbare il loro silenzio.

E' sempre una grandissima gioia per me trovare le tue parole...
riesci sempre a farmi spuntare un sorriso,grazie!

Un bacio :)

...Edva...**

Franky65 ha detto...

Ciao Pè, come sempre molto incisivo e reale il tuo racconto di queste belle esperienze. Anch'io posso dire che c'ero, e l'ho vissuta in modo fantastico. E' emozionante riassaporare il tutto, attraverso le foto ed i racconti.. diversi.. personali.. ma che alla fine vanno tutti in un'unica direzione, delle persone che hanno gustato questa avventura. Non ti nascondo che per la lunghezza del percorso e forse anche per altro , non so, è stata per me una delle più faticose, ma nello stesso tempo una delle più belle. Una vera immersione nella surrealità del posto, nel quale , nei lunghi momenti di solitudine, ho potuto fare un pò di chiarezza dentro di me.
Ciao Pè, oramai noi facciamo solo cose che poi ci rimangono, quindi un saluto ed un arrivederci alla prossima.
Franky

indio ha detto...

Quanto mi piacciono ste cose... bravi bravi....
l'indio

Domenico ha detto...

Ciao Master, gran bella impresa. La linea di salita è davvero molto interessante. L'ambiente vedendo le tue bellissime foto è davvero super.
Domenico

Anonimo ha detto...

complimenti per l'impresa e le foto davvero magnifiche !
siete "avanti" ragazzi, bravi e ... continuate a regalarci queste belle testimonianze, la montagna è vita !
un abbraccio
ekaincantata

Anonimo ha detto...

Mi sono commossa nel leggere della vostra escursione verso il cielo... Tu riesci a capire quanto mi mancano le mie montagna vero?
Sai che quelli del cai del mio paese mi hanno proposto di entrare a far parte del consiglio direttivo...??? Anche ora con una zampa rotta!!!

Ti abbraccio e grazie delle tue parole
Pralina