VIDEO IN EVIDENZA

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Pollino -Serra delle Ciavole e Italus - visualizza

Gran Sasso -Monte Corvo Spigolo Ovest - visualizza

Pollino - Dolcedorme parete Nord Est - visualizza

Cilento - Momte Cervati Canale dell'Uscita Mancata - visualizza


CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

lunedì 24 giugno 2019

Serra delle Ciavole e operazione Italus


Dal 2018 il Pollino ha un nuovo re,si tratta di Italus,il pino loricato piu’ antico d’Europa.Ha la veneranda eta’ di 1230 anni e ha strappato il primato ad Adone,un altro loricato che vegeta a nord della Grecia,piu’ giovane di 160 anni.Sarebbe probabilmente anche l’albero piu’ vecchio d’Europa,ma qualcuno rivendicherebbe il primato di longevita’attribuendolo ad altre piante secolari come l’olivo selvatico della Sardegna,il castagno dei cento cavalli in Sicilia,gli olivi del Getsemani o un abete rosso in Norvegia che avrebbe addirittura “9000”(?) anni. 



Sta di fatto che Italus è stato datato con tecniche di radiocarbonio all’avanguardia utilizzando acceleratori di particelle implementate dalle piu’ moderne misurazioni di cronodendrologia da parte dei ricercatori dell’universita’ della Tuscia.Analisi scientifiche molto piu’ precise ed accurate rispetto alle tradizionali tecniche di dendrologia adottate in passato per gli altri alberi che attribuirebbero loro un’eta’ molto maggiore rispetto a quella reale. 



Ritornando al nostro Pollino, con questa nuova scoperta Italus detronizza il Patriarca del Pollinello,che con i suoi 980 anni circa fino ad ora era il “grande vecchio” per eccellenza.Il Patriarca a sua volta aveva preso il posto del pino della Grande Porta,soprannominato affettuosamente “Zi Peppe” adottato in forma stilizzata quale simbolo del Parco del Pollino.Purtroppo è stato  barbaramente incendiato da alcuni vandali contrari all’istituzione  dell’ente parco avvenuta nel 1993. 



Esso sorgeva in una posizione assolutamente strategica, la Grande Porta,tra Serra Crispo e Serra Ciavole,una delle vie d’accesso piu’ importanti del parco come per dare il benvenuto ai visitatori che venivano ad ammirarlo insieme agli altri numerosi splendidi esemplari abitanti di quel luogo straordinario.Invece il primo re del Pollino è stato distrutto ed oggi la sua carcassa giace a terra,trucidato dalla stupidita’ dell’uomo e ora pallido riflesso della sua antica gloria. 



Italus prende il nome dal re degli enotri vissuto secondo il mito sedici generazioni prima della guerra di Troia.Da lui deriverebbe il nome Italia, dato inizialmente alla regione corrispindente all’odierna Calabria. Dal portamento maestoso,colonnare e bifido in alto, Italus vegeta a circa 1950 m.di quota.Difficilmente sara’ passato inosservato allo sguardo e alle fotocamere degli escursionisti,ignari pero’ del valore e della fama che quest’albero avrebbe acquistato in futuro.Per questo abbiamo voluto organizzare un’uscita apposita per visitarlo nella sua nuova veste ufficiale quale pino loricato detentore del  primato di longevita’. 




L’escursione si fa in notturna per evitare le temperature torride di questi giorni.Con Pasquale ci rechiamo al solito Colle Impiso alle due del mattino e ci incamminiamo con le frontali lungo il sentiero che porta ai Piani del Pollino.Siamo veramente veloci,tanto che alle tre e mezza se non prima siamo gia a Piano Toscano che attraversiamo con calma per far passare il tempo.Alla luce delle nostre frontali ecco che si accendono gli occhi dei cavalli a brado che pascolano nei dintorni. 



Siccome è ancora buio ne approfittiamo per schiacciare un pisolino prima di riprendere il cammino.









 Appena comincia ad albeggiare ci inerpichiamo per una fascia boscosa in forte pendenza fino ad uscire allo scoperto di fronte uno sbarramento roccioso invalicabile. Dall’anfiteatro puntiamo a destra verso l’uscita che guadagniamo dopo una bella pettata su ghiaione.



Italus ha una forma colonnare,secco in alto con un grosso ramo sporgente.Zoomando con la fotocamera riusciamo infatti ad individuarlo in compagnia di altri loricati vicini.Infine lo raggiungiamo.Visto dalla sua base è veramente impressionante, alto, slanciato, titanico. 







La parte inferiore fino a meta’ tronco vegeta bene e sembra essere in salute,mentre la parte superiore è secca.Purtroppo vi sono anche i segni del fulmine che lo ha preso di striscio scaricandosi dall’alto verso il basso.Troviamo anche il foro dove è stato prelevato il campione per la datazione.Riflettendo sulla sua incredibile eta’ e volendo fare un accostamento storico, pensiamo che  comincio’ a germogliare solo qualche anno prima che papa Leone III incoronasse Carlo Magno nel 768.Se potesse raccontare….. 



Dopo le foto di rito decidiamo di raggiungere Serra Ciavole. Inutile dire che il panorama da questa varia e ampia montagna è unico. E’ un fantastico balcone che si affaccia sia verso Est sull’immensa Fagosa e le Timpe fino allo Jonio, sia ad ovest verso le vette più alte del Dolcedorme, Pollino e Serra del Prete con gli ariosi piani di pollino. Verso sud si allunga la Cresta dell’Infinito con le due cime appuntite dei monti Manfriana, mentre a nord Serra Crispo e Monte Alpi chiudono il quadro grandioso.Insomma,non ci si fa mancare proprio nulla. La Cresta è rocciosa, molto aerea e di grande respiro. Dopo una bella impennata e deliziati dalla presenza di varie fioriture di orchideee raggiungiamo la vetta sud di 2127 m 



Ora per conquistare la vera cima dobbiamo attraversare una prateria d’alta quota fino ad incontrare le rocce dell’ultimo tratto di cresta. Superati alcuni passaggi elementari su roccia giungiamo in vetta, a 2130 m. Da qui è molto evidente il contrasto che c’è tra il versante ovest, dolce e dalle pendenze modeste con il dirupato versante Est, verticale, tormentato e cattivo, che ci ha spesso visti impegnati in adrenaliniche ascensioni alpinistiche lungo i suoi vertiginosi canali soprattutto d’inverno. 



Dopo aver deliziato lo sguardo e nutrito lo spirito di tanta bellezza possiamo anche rientrare prima che le temperature comincino a salire ulteriormente. Ci apprestiamo cosi a chiudere questo fantastico anello attraversando da est a ovest i Piani di Pollino e guadagnando il sentiero nel bosco che ci portera’ a Colle Impiso. 



Per quanto riguarda Italus dunque, missione compiuta. Gli studi effettuati sui campioni prelevati hanno rivelato particolari sorprendenti sulla storia climatica dei nostri monti. Si è scoperto tra le altre cose che dopo un periodo di sofferenza durato qualche secolo, da un ventennio a questa parte Italus ha ripreso a vegetare alla grande.Per questo motivo non possiamo che fargli i nostri migliori auguri e proclamare: ”lunga vita al re”.