Ultimo video

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Pollino - Piccole Dolomiti di Frascineto visualizza

Sila - Torrente Lepre
visualizza

Pollino - Gola del Barile (Raganello)
visualizza

Pollino - Monte La Caccia Direttissima
visualizza




CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

lunedì 17 febbraio 2014

Pollino via "Squirrel"





Lunedì 10 febbraio ’14. Condizioni  non eccezionali per le vie di misto presenti nel  versante sud ovest del Pollino,ma un po’ dappertutto. Purtroppo dalle nostre parti,quest’anno l’inverno non si è fatto vedere per niente,qualche sporadica nevicata che ci ha illuso e subito dopo temperature primaverili  che persistono nonostante il periodo. Succede sovente che dobbiamo andare dove possiamo,non dove vogliamo;dove in pratica esistono condizioni accettabili.




Con Pasquale al momento della partenza abbiamo così deciso,li per li direzione Pollino ,contrafforti rocciosi di sud ovest dove il sole arriva tardi e non riesce a sciogliere la neve se non più lentamente rispetto le altre zone. Per raggiungere il Colle dell’Impiso però dobbiamo operare il solito aggiramento verso Viggianello per la strada Ruggio-Visitone,novanta chilometri  scomodi per chi proviene dal versante calabro e non ha il fuoristrada.































































Di buon mattino il manto nevoso risulta solido tanto che permette una camminata agevole. Le ciaspole le lasceremo prima dell’attacco della via,per recuperarle al ritorno. Da lontano a parte Squirrel,le altre vie sembrano povere di neve,semivuote con salti scoperti.



A ridosso dell’attacco prepariamo il materiale e si parte con il primo tiro,60 metri su una neve appena appena accettabile. Le piccozze a stento trovano i giusti appigli e solo in alcuni punti indovinano il ghiaccio, per il resto neve morbida,rocce ed erba affioranti. Sosta in un piccolo pino loricato. Secondo tiro,si prosegue verso l’alto e si taglia a sinistra lungo lo slargo nevoso dove la via si dirama. Come per incanto riesco a trovare anche un punto sufficientemente duro da piantare un piolo con fettuccia per fare sicura.
 



Proseguendo mi incuneo nella strettoia dove compare un salto di due metri circa. A lato un bel pino loricato per la sosta dove recupero il compagno. Il salto purtroppo è scoperto. Un piccolo accumulo di neve alla base e cinque,sei centimetri di neve morbida sopra. Provo e riprovo con le piccozze a fare presa per issarmi ma niente da fare. Dobbiamo abbandonare per operare una variante. Faremo un bel traverso verso destra in modo da recuperare la cresta,risalirla per un po’ e se sarà possibile rientrare nel canale.





































Il traverso risulterà delicato per via dello stesso problema di scarsità di neve. Quella presente è morbida e spesso le piccozze impattano sulle rocce o sull’erba. C’è da stare attenti,anche i ramponi hanno difficoltà a fare una presa sicura. Con l’ausilio di due chiodi che danno sicurezza conquistiamo la crestina. La risaliamo con un tiro di quaranta metri e un tratto di III+ e raggiungiamo l’orlo superiore del canale che praticamente è all’uscita.




Ora non ci resta che percorrere la cresta Ovest per arrivare in vetta. Quì il Pollino diventa severo,un vento molto impetuoso rende difficile la marcia. L’ultimo tratto sembra la cresta terminale del Monte Bianco,e intorno il panorama è superbo. Riusciamo in lontananza ad intravedere lo Stromboli e addirittura l’Etna.Chiude il colpo d’occhio una sontuosa Serra Ciavole dominata da una splendida luna.
 



Abbiamo anche difficoltà a fare l’autoscatto per via del vento che spazzerebbe la macchina fotografica ma alla fine ci riusciamo. Infine per la discesa impegniamo il canalone sud ovest,recuperiamo le ciaspole che a questo punto della giornata e le temperature in rialzo mi serviranno fino all’auto che raggiungiamo all’imbrunire.Nonostante i capricci di questo pseudo inverno abbiamo portato a termine un’altra bella impresa.