VIDEO IN EVIDENZA

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Pollino - Spigolo Ovest visualizza

Pollino - Timpa San Lorenzo Cresta delle Aquile visualizza

Pollino - La Cresta della Rasa visualizza

Gran Sasso - Ferrata Ricci e Calderone visualizza


CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

martedì 8 maggio 2018

Monte Terminillo Canale dell'Orsacchiotta


Anche quest'anno la stagione invernale è giunta al termine. E' stata nel complesso molto soddisfacente, ricca, varia e in qualche occasione esaltante. Iniziata a novembre, in anticipo rispetto agli standard delle nostre latitudini, ho cercato di adottare nei limiti del possibile una mia personale filosofia di realizzare sempre itinerari e vie diverse.




Così ho scoperto “Highlander” sul Sirino, “Mavavi'”e “Vivi e lascia vivere” su Monte Alpi, la strepitosa “Dyrekta” sul Pollino e il “Canalone Centrale” di Celsa Bianca. Inoltre ho avuto il piacere di condividere queste ascensioni con nuovi compagni di cordata come "Vesuviano" e la sua squadra dal napoletano, Giacomo da Postiglione e Falk dalla Puglia, ragazzi molto disponibili e motivati oltre che tecnicamente preparati. 




Ora per chiudere volevo una gita fuori porta da farsi a fine Aprile e così la scelta è caduta sul Terminillo, uno dei massicci montuosi che non conoscevo ancora.





La vetta più elevata, la terza del Lazio misura 2217 m. e fa parte dei monti reatini. E' considerato un simbolo della provincia di Rieti ma è allo stesso tempo chiamato "la montagna di Roma". Appartengono allo stesso massiccio il monte Terminilletto 2104m., la cresta Sassetelli 2139 m. e l'Elefante 2015 m. Mentre il versante meridionale è più dolce e antropizzato, quello settentrionale invece è aspro e selvaggio, con presenza di rupi, brecciai e circhi glaciali. E' solcato da diversi canali già meta di frotte di alpinisti nella stagione invernale come il Centrale, l'Orsacchiotta, il Chiaretti Pietrostefani e il canalino Nord. 




Dovendo scegliere un itinerario abbiamo tenuto conto delle condizioni dello strato nevoso che a primavera inoltrata e dopo una fase di caldo anomalo si presentava molle, crostoso e poco portante. Così al preventivato Chiaretti Pietrostefani, abbiamo optato per il Canale dell'Orsacchiotta, lineare, elegante ma un po' più "tranquillo" rispetto al primo.





Colgo al volo l'invito di Gennaro e ci diamo appuntamento a Roma alla fermata della Metro Eur Fermi da dove ripartiamo per il rifugio Sebastiani. Ci avviamo alle 8.30 in una giornata discreta, non fa freddo e ogni tanto il sole si fa vedere tra una nuvolaglia umida e sciroccosa, preludio della pioggia che arriverà copiosa il giorno dopo. Qualche solitario si avvia in contemporanea mentre altri ci hanno già preceduto. Tra questi ci stanno due con un cane che a metà del canale centrale si fermerà costringendoli a scendere e ritentare sull'Orsacchiotta. Però il povero cagnolino evidentemente soffre di vertigini e come la pendenza aumenta getterà la spugna bloccandosi lì dov'è. 





Procediamo senza tanta fretta immettendoci nel vallone sotto la Sella di Leonessa saggiando la consistenza della neve che come ci si aspettava è quella di primavera inoltrata. In breve raggiungiamo la base della parete Nord da dove partono tutti i canali. Qui il Terminillo si mostra in tutta la sua peculiare bellezza con i suoi canaloni innevati che si alternano agli speroni rocciosi che li delimitano. Si sale su inclinazioni che vanno progressivamente aumentando, dai quaranta ai quarantacinque gradi nella prima parte.




A metà canale il compagno precedendomi raggiunge una variante sulla sinistra, uno stretto canalino che tocca i 55' e che dà la sensazione di essere facilmente abbordabile. Risalitolo in libera per metà non senza qualche difficoltà è costretto a rinunciare per via del fondo davvero pessimo che non dà sicurezza, uno strato di neve poco compatta che non lega più con la roccia sottostante, provocando il cedimento dei ramponi ad ogni passo. La manovra della disarrampicata faccia a monte non è delle più agevoli e tranquille. Avesse aspettato un attimo, si sarebbe potuto proteggere attrezzando una sosta e farlo in totale sicurezza. Piccolo eccesso di frenesia che gli perdono tranquillamente.




Superato comunque l'intoppo puntiamo dritti verso la cornice terminale, un muretto a strapiombo di qualche metro da aggredire con decisione. Ma è fatta, siamo sulla cresta che percorriamo seguendo il filo fino a guadagnare i 2217m. della vetta dove è posto un pilastrino metallico. Davanti a noi il Terminilletto più basso e la Cresta Sassetelli alla nostra destra. Sul versante Nord Est scendono dirupati i vari canali mentre fa da contraltare monte Elefante con le ultime lingue di neve del suo versante meridionale. Ma in fondo all'orizzonte domina su tutto sua maestà il Corno Grande dall'alto dei suoi 2912 m.




Dopo le foto di rito in vetta decidiamo di scendere lungo il Canale a sinistra del Centrale. Raggiunta la base si potrebbe prendere in considerazione di farne un altro ma la neve a questo punto è una pappetta e decidiamo così di fermarci qui e andare a bere una meritata birra al Sebastiani. 





Salita piacevole, regolare senza problemi particolari a conquistare una nuova vetta insieme a un nuovo compagno per suggellare la stagione invernale 2018 e l'obiettivo di ritrovarci per una prossima avventura.





Nessun commento: