VIDEO IN EVIDENZA

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Pollino - Serra Crispo cresta Nord - visualizza

Pollino - Via delle Capre e Timpa del Demanio - visualizza

Val d'Agri e Dolomiti Lucane - Ferrate Arenazzo,Belvedere,Salemm visualizza

Pollino - Raganello Gola di Barile visualizza


CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

martedì 27 settembre 2005

Una montagna sul mare


La Calabria è sicuramente una delle poche regioni dove il connubio mare montagna è davvero notevole.E’ il caso del Monte “La Caccia”,meta dell’escuirsione di oggi .Località di partenza, Trifari , piccola frazione di Belvedere Marittimo,ridente centro balneare dell’alto Tirreno cosentino.Giungiamo con l’auto alle 9.00 in punto e armati di zaino e bastoncini da sci,io e Francesco attacchiamo il sentiero a 730 m.
 Dopo alcuni passaggi giungiamo sotto l’immane parete sud de “La Caccia”e,mentre guadagnamo quota,sotto di noi si aprono sconfinati orizzonti verso il mare.Proseguendo su terreni erosi ,in mezzo a processioni di loricati scheletrici ci imbattiamo in un accogliente rifugio realizzato l’anno scorso dall’associazione degli “ amici della montagna”.Posto a 1355 m.di altitudine il “Rifugio Belvedere”è sicuramente il primo rifugio di tipo alpino perché l’unico nell’areale del Parco del Pollino che può essere raggiunto esclusivamente a piedi.Possa essere questa, d’ora in avanti l’idea da estendere a tutto il Parco.
Dopo un bicchiere di vino sorseggiato al rifugio ci apprestiamo ad affrontare l’erta pendice che ci sovrasta.E’ qui che dobbiamo produrre lo sforzo maggiore,ma le nostre gambe vanno come treni,non sappiamo se il tempo reggerà;minacciose nubi salgono infatti dalla sottostante Valle dell’Esaro avvolgendo il paesaggio e inghiottendo la montagna.A mezzogiorno in punto siamo in vetta(1744 m.).Un pranzo frugale,qualche foto e via per il ritorno.
Difronte a noi fa da contraltare la spettacolare Montea e il più basso Monte Faghittello,verso sud troneggia la piramide del Monte Cannittello,tutte cime aguzze e seghettate,imponenti e aderte che verso ovest però si tuffano letteralmente sul mare.In questa grande emozione vissuta oggi davvero possiamo contemplare la nostra montagna sul mare!!
 
In foto: l’immane parete sud de”La Caccia” proiettata verso il blu del mar Tirreno.
 

domenica 4 settembre 2005

Se potesse raccontare (parte 2°)


Eccolo:il Patriarca del Pollino,il ?Grande Vecchio?,colui che con la sua veneranda età,936 anni ,svetta fra i faggi del Pollinello.Se potesse raccontare,cosa ci direbbe?
Ci parlerebbe della conquista di Castrovillari da parte dei normanni,della morte di Federico II e dell?età angioina.Ci descriverebbe l?arrivo degli albanesi,fuggiti dalla loro patria e difesi dal loro eroe,Scanderbeg ,coloro che manterranno nei secoli la loro identità culturale.Narrerebbe degli aragonesi divenuti padroni del Mezzogiorno.E ancora,della breve parentesi del Viceregno austriaco e della occupazione di terre feudali.Ci parlerebbe con angoscia della carestia del 1764,della sopravvenuta miseria e sofferenza patita dai nostri antenati.La monarchia borbonica,la repubblica Partenopea e l?unità d?Italia.Si ricorderebbe del 1861.Il suo Pollino è martoriato dal brigantaggio.Anche il nome che danno ad alcuni suoi fratelli (ad es. ?il Pino di Michele?),ricorda tristemente la fine che hanno fatto alcuni pastori per mano dei briganti.
Quante cose ci direbbe della Prima Guerra Mondiale,del grande sfruttamento forestale operato nei boschi del Pollino da parte della società tedesca Rueping,che con le loro teleferiche e le decauville trasportavano il legname fino a valle.
E ancora,ci parlerebbe della Seconda guerra mondiale.Quanta gente avrà visto migrare dalle nostre terre per trovare lavoro e condizioni di vita più dignitose.
Nel 1968 sentì parlare finalmente della realizzazione di un grande parco nazionale ,e finalmente,nel 1992,vide realizzarsi il suo grande sogno:l?istituzione del Parco Nazionale del Pollino.Che gioia quando un suo fratello,zi?Peppe,diventò il ?simbolo?del suo parco.Dopo,però,gli spezzarono il cuore, in quella maledetta notte tra il 19 e il 20 ottobre 1993 allorchè cessò di essere una creatura vivente,per mano di balordi,che vedevano nell?istituzione di quell'area protetta un ostacolo a chissà quali ambizioni.
Quante cose ci potrebbe insegnare,descrivere,narrare.Perciò,se passate dalle sue parti a visitarlo,interrogatelo,ascoltatelo.

Per favore,??..non bruciatelo!!