Ultimo video

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Pollino -Coppola di Paola Timponi Viggianello e Capanna visualizza

Pollino - Piccole Dolomiti di Frascineto
visualizza

Sila - Torrente Lepre
visualizza

Pollino - Gola del Barile (Raganello)
visualizza




CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

domenica 22 novembre 2015

Le Balze del Valdarno



Dopo le fatiche della “due giorni”nelle Alpi Apuane mi dirigo a sud al confine tra le provincie di Firenze ed Arezzo per ammirare un altro spettacolo della natura,le Balze del Valdarno. Sorgono lungo una striscia di una quarantina di chilometri circa a metà strada fra Firenze ed Arezzo, e sono l'originale risultato conseguente ai sedimenti depositati al prosciugamento del lago pliocenico che milioni di anni fa ricopriva l'intera area.


Le sponde del lago erano delimitate da quelli che oggi sono i monti del Chianti (di modesta entità), e del Pratomagno (molto più elevati). Quando le acque si ritirarono lasciarono sulle sponde più marcate, ripide insenature argillose modellate nel tempo da eventi atmosferici. (lamiabellatoscana.com).















Uno dei sentieri piu' belli per ammirarle è quello “dell’Acqua Zolfina”, che parte dal comune di Castelfranco Pian di Scò in provincia di Arezzo.Percorso ad anello lungo circa cinque chilometri si addentra in una vallata molto suggestiva che mostra tutto lo splendore di una campagna colorata dalle sue infinite tonalità espresse in coltivazioni a terra, piante da frutto e vigneti, dove le Balze sono sempre le protagoniste principali tanto da avere l’impressione di trovarsi in un Gran Canyon d’America.
















Dichiarata area protetta di interesse locale,si possono altresì ammirare anche nei comuni di Reggello, dov’è conservato un prezioso trittico del Masaccio nella chiesa di Pieve a Cascia, Terranova Bracciolini,Loro Ciuffenna,Laterina ed altri.
















Con i loro pinnacoli e guglie giallastre rappresentano un paesaggio così caratteristico che anche Leonardo da Vinci ne rimase affascinato al punto tale da sceglierle come sfondo per alcuni dei suoi dipinti tra cui la Gioconda.



Nessun commento: