Ultimo video

IN PRIMO PIANO: Gli ultimi post

Pollino - Piccole Dolomiti di Frascineto visualizza

Sila - Torrente Lepre
visualizza

Pollino - Gola del Barile (Raganello)
visualizza

Pollino - Monte La Caccia Direttissima
visualizza




CONTATTO dgiusep@tiscali.it

Attenzione: per alcune escursioni è possibile scaricare le tracce GPX in basso dopo il testo!!

sabato 23 novembre 2013

Capo Palinuro (Parco del Cilento) : Sentiero "Fortini e torri"




“Luogo dove il vento gira”.Questo è l’epiteto che contraddistingue  Capo Palinuro, già conosciuto dai naviganti per la pericolosità delle sue insidiose correnti. E’un promontorio roccioso della costa della Campania Meridionale, tra il golfo di Velia e quello di Policastro, nel Cilento,caratterizzato da rupi scoscese, archi naturali, torri saracene e antichi fortini usurati dal tempo,una specie di “mano”che si protrae nel Tirreno.




Il toponimo si rifà al nocchiero di Enea che,come narra la leggenda,morì cadendo in mare di notte tradito dal sonno. Ciò che cattura l’occhio del visitatore è sicuramente il colore del mare,che va dal verde smeraldo trasparente in prossimità del porto,seguendo la strada che giunge dal paese,al turchese intenso in fondo agli strapiombi fino al blu cobalto,tanto da trasportarlo come d’incanto e improvvisamente in una spiaggia caraibica dalle acque cristalline.



L’escursione in barca permette di ammirare questo splendido promontorio visitando le grotte che si aprono ai piedi delle sue impressionanti falesie a strapiombo,quali la Grotta Azzurra,la Grotta del Sangue,la Grotta Sulfurea ed altre.



Dal porto invece parte un percorso di eccezionale bellezza:il sentiero “Fortini e Torri”, riscoperto nell'ambito di un progetto del Comune di Centola, finanziato dalla Comunità Europea e realizzato dalla cooperativa Arcella,  che segue un'antica mulattiera in un'altalena di terrazze verdi e suggestive e pareti a strapiombo sul mare. Il tracciato ad anello è molto vario e, pur sviluppandosi a quote modeste ,di difficoltà medio-bassa ed in prossimità del mare, offre vedute spettacolari sia verso il retroterra cilentano e la costa del golfo di Policastro spingendosi fino ai monti calabresi, sia sul mare, affacciandosi dall’alto di vertiginose falesie.




Siamo all’inizio di Novembre e fa molto caldo.Nonostante la pioggia della notte,tutto è pronto per la nostra escursione. Attaccando il sentiero che si dipana all’ingresso del porticciolo raggiungiamo in breve la Torre del Fortino o meglio la  Batteria del Prodese. Quì sulla Punta del Fortino, il panorama mozzafiato e il colore brillante del mare cristallino che si apre  sulla Grotta azzurra ci lasciano stupefatti. Vale la pena fermarsi e lasciarsi rapire da quest’incanto.




































Il tratturo ora si immerge nella fitta macchia mediterranea, costeggiando baie e anfratti silenziosi fino ad incontrare una diramazione:scendo lungo un percorso più accidentato per raggiungere ripidamente la torre posta a guardia della “Punta della Quaglia” sovrastante la Grotta Azzurra. Impressionante la parete strapiombante che precipita in mare con un poderoso salto verticale alla sinistra d’essa tanto da prestare la massima attenzione nell’affacciarsi. Una veloce arrampicata sulla sommità della torre e pare di trovarmi in capo al mondo,sospeso tra cielo e mare.
 



Riguadagnato il sentiero,puntiamo decisamente verso il Faro, sulle ripide falesie carbonatiche orientate a nord, dove vive la Primula di Palinuro, un endemismo unico: una pianta arrivata dal Nord in questa zona due milioni di anni fa e che si è adattata sopravvivendo alle mutazioni climatiche e ambientali senza mai mutare. Nel frattempo,i colori e gli odori del mirto,del lentisco e dell’alaterno deliziano il nostro incedere.




La risalita verso il faro prosegue tra pietraie e ceppi di saracchio, una pianta immarcescibile dalle foglie tenaci e taglienti che veniva utilizzata per legare le viti e per costruire robuste cime. Raggiungiamo in breve una radura più aperta tra grandi cuscini di ginepro e lentisco, piegati a terra dalla salsedine, che ammantano i costoni protesi sul mare. Ed’eccoci al Faro dove ci fermiamo per una meritata sosta rifocillandoci all’ombra di un muretto. Abbiamo così intersecato la strada cementata che raggiunge il faro proveniente dal paese. Da qui a scendere inizia forse il tratto più spettacolare dell’intero percorso.




































Un primo “affaccio” proprio sotto il faro ci permette di  osservare scorci panoramici sulla Cala della Lanterna le cui pareti strapiombanti precipitano fin giù al mare. Scendendo di un centinaio di metri ed intraprendendo successivamente una traccia che costeggia un boschetto,raggiungiamo l’estrema punta dell’ennesimo costone risalendo e saltellando su strane roccette,la Punta Mammone che ci permette di ammirare Il faro e la sua ardita posizione come un nido d’aquila proprio di fronte a noi. Verso Ovest invece sorge la Torre di Calafetente,nostra prossima meta.




Riguadagnata la strada e lasciato il Faro alle spalle,ci dirigiamo verso la stazione meteorologica. Una evidente sterrata,oimè deturpata al suo inizio dalla presenza di rifiuti di ogni genere lasciati dai soliti turisti “sporcaccioni”si addentra in una fitta vegetazione di profumati pini marittimi in direzione del Fortino, costruito sulla sommità del Monte d’Oro in epoca napoleonica.
 




































Seguendo il sentiero, in direzione sud, e superato un tratto in cui la macchia mediterranea copre la visuale del mare, si arriva alla Torre di Calafetente,toponimo dato dall’odore sgradevole emanato dalla sottostante grotta sulfurea. Qui lo strapiombo mozzafiato svela tutta la bellezza dei colori cerulei dell’insenatura di Calafetente, mentre la “finestrella”, incastonata nella falesia, fa affacciare il viaggiatore nei miti e nelle leggende che narrano di Capo Palinuro.
 



































Ormai stanchi ma sommamente soddisfatti degli straordinari paesaggi che questo lembo di terra ci ha regalato,riguadagniamo la strada asfaltata direzione porto dove andiamo a recuperare l’auto e…..l’albergo.



3 commenti:

Edva ha detto...

Che meraviglia un vero angolo di paradiso!!!
Il tuo modo di scrivere è vivido e coinvolgente...ho letto tutto ad un fiato...complimenti!

Baci e a presto!:)

...Edva...**

Edva ha detto...

Ho visto il video fantastico!!!
fa sognare... :)
ti ringrazio di cuore per aver usato i miei versi "mare dentro me"...
nel video trasmettono emozioni e ricordi.

...Edva...**

Raf ha detto...

grazie per l'ottima visita fatta al sentiero "fortini e torri" di Capo Palinuro.
Chi è interessato ad avere ulteriori dettagli sul tracciato e sulla spklendida costa cilentana può trovarli qui:
http://www.arcella.eu/portfolio/fortini-e-torri-palinuro/

Arcella scarl